Intervista a Andrea P.: Lo stage in AICE SCARL dopo l’ Energy Master

4-intervista Pirazzoli A

Laureato in Ingegneria Energetica e Nucleare nell’ottobre 2013, la scorsa primavera il giovane Andrea ha deciso di frequentare l’ Energy Master di CTQ Spa con l’obiettivo di costruirsi una professionalità nel settore energetico. Con umiltà e impegno, Andrea ha seguito le lezioni del Master, al termine delle quali è stato coinvolto in un progetto di stage presso AICE SCARL, una qualificata e certificata ESCO (UNI CEI EN 11352) che offre servizi di efficientamento energetico a tutti i comparti industriali interessati ad un uso più razionale delle risorse nei processi produttivi. A questo proposito lo abbiamo intervistato a un mese dall’inizio del suo stage per farci raccontare le sue prime impressioni sul percorso in azienda.

 

1)  Ci racconti brevemente la sua esperienza di stage in AICE SCARL come primo contatto con il mondo del lavoro.

Attualmente ho iniziato da un mese lo stage presso AICE SCARL, quindi l’esperienza maturata è ancora relativamente scarsa. Sono in contatto con grosse multinazionali e aziende italiane che mi permettono di vedere realtà differenti dal mercato italiano, approcciandomi con realtà diverse da quelle a cui sono abituato.

2)  Attualmente di cosa si occupa nello specifico?

Mi occupo principalmente di promuovere interventi di efficientamento energetico presso le società che compongono AICE SCARL e seguo l’emissione dei TEE successivamente all’esecuzione dell’intervento.

3)  Crede che la frequenza dell’ Energy Master di CTQ sia stata determinante nel suo percorso professionale? Se si, perché?

Si, perché mi ha trasmesso nozioni che l’università non mi ha dato, soprattutto dal punto di vista legislativo e normativo energetico, dandomi una panoramica generale sul quadro legislativo energetico. 

4)  Il ricordo più bello del Master?

La convivenza con i miei colleghi di corso.

5)  Provando a fare delle previsioni, come immagina il suo futuro professionale tra 10 anni?

Vista la situazione attuale del mercato del lavoro italiano mi risulta impossibile immaginare il mio futuro lavorativo. Vorrei solo restare nel campo energetico.

6)  Quale consiglio si sentirebbe di dare a un neolaureato di oggi che si trova di fronte le difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro che ormai tutti conosciamo?

Di specializzarsi il più possibile nella sua materia per valorizzare al meglio la sua laurea e fare esperienza sul campo.

—> Se vuoi maggiori informazione sul Master che ha frequentato Andrea, clicca qui

 

Di G.Petrarca

Stage & Placement Junior Specialist

Lascia un Commento o Richiedi Informazioni...

Lascia un Commento